Demografia e immigrazione

La popolazione immigrata residente in provincia di Biella è scesa dal 2015 sotto le 10mila unità, al 1° gennaio 2017 si registrano 9.906 persone su un totale di 178.551 abitanti, pari quindi al 5,5% del totale. Si tratta di una popolazione relativamente giovane, caratterizzata da bassa età media (35,9) e con la presenza di pochissimi anziani: in particolare, un immigrato su sei (14,8%) ha meno di  14 anni, la fascia di età modale è quella giovane-adulta, compresa tra i 14-39 anni, con quasi la metà della popolazione immigrata complessiva, e gli anziani sono circa il 6% della popolazione immigrata (pari a 586 persone con oltre 65 anni).  I minori immigrati costituiscono oggi una parte rilevante della realtà sociale biellese attuale e futura, essendo 1905 sul totale di 26.040, pari a circa il 7% del totale al 1.1.2017; se aggiungiamo i figli di coppie miste e i nati da genitori immigrati che nel frattempo sono diventati cittadini italiani, notiamo come quasi un minore su dieci sia dunque di origine immigrate.  La distribuzione della popolazione sul territorio vede una presenza relativamente consistente soprattutto nel capoluogo e nei comuni delle industrie tessili della Valle di Mosso e Strona (seppure con un notevole saldo negativo negli ultimi tre anni), a Cossato e nei comuni della pianura tra i fiumi Elvo e Cervo.

fotina_pdf_x_art

 

consulta il documento completo qui

Sommario
Le provenienze
Il contributo demografico
Distribuzione per comune
Distribuzione per età
Indici demografici
I trasferimenti di residenza